Qualche cambiamento nel Rito della Messa

Da domenica 29 novembre anche il Rito ambrosiano recepisce le modifiche introdotte nel Messale Romano. I fedeli comunque verranno accompagnati a conoscere ed assimilare queste variazioni attraverso diverse iniziative. Durante le Sante Messe comunque verranno ricordate le novità e sottolineate dai celebranti a momento debito.

Iniziamo a prendere dimestichezza con le principali novità (in rosso sono evidenziati i cambiamenti):

IL GLORIA E IL PADRE NOSTRO
Nel Gloria il nuovo testo prevede le parole “E pace in terra agli uomini, amati dal Signore al posto di “E pace in terra agli uomini di buona volontà”. Il cambio è dovuto a una migliore traduzione del testo originale greco presente nel Vangelo di Luca, precisamente in Lc 2,14, cioè il canto degli angeli dopo la nascita di Gesù.

Nel Padre Nostro non diremo più “Non ci indurre in tentazione” ma “Non abbandonarci alla tentazione“. Nel testo del Padre Nostro c’è un’altra modifica dovuta ad una corretta traduzione della versione latina: l’aggiunta della congiunzione “anche” nella frase “Come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori”.

LINGUAGGIO “INCLUSIVO” E “CORRETTO”
Per quanto riguarda il “Confesso…” durante l’atto penitenziale, si è optato per un linguaggio “inclusivo” e “politicamente corretto”: dovremo dire “Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli e sorelle, …“. Il termine “sorelle” viene inserito anche in altre preghiere dove il Celebrante diceva solamente “fratelli”. Come ad esempio nel ricordo dei defunti: “Ricordati anche dei nostri fratelli e sorelle che si sono addormentati nella speranza della risurrezione”.

ALTRE NOVITÀ
All’inizio Preghiera eucaristica II (la più utilizzata) cambia l’invocazione dello Spirito Santo, con l’aggiunta della parola “rugiada”. Il celebrante dirà dunque: “santifica questi doni con la rugiada del tuo Spirito“.
L’invito alla Comunione cambia l’ordine delle frasi: non più “Beati gli invitati… Ecco l’Agnello di Dio…” ma “Ecco l’Agnello di Dio… Beati gli invitati…“, per fedeltà al testo latino.

Condividi la notizia sui Social, su Telegram o su WhatsApp

Rimani in contatto

Lascia il tuo contatto per essere inserito nella mailing list della Comunità Pastorale.